Connect with us

CALCIO

Moise Kean, il nuovo acquisto della Juve sostituisce Ronaldo

Moise Kean torna alla Juve, e lo fa con una responsabilità enorme sulle spalle. I bianconeri lo hanno infatti riportato a Torino per sostituire, numericamente e per ruolo, Cristiano Ronaldo. L’eredità di CR7 sarebbe pesante per chiunque, ma il ventunenne ritroverà l’ambiente in cui è cresciuto calcisticamente e un allenatore, Massimiliano Allegri, che lo conosce bene e lo ha lanciato nel calcio che conta.

Com’è andata l’esperienza di Kean all’estero?

La Juventus ha prelevato Kean dall’Everton in prestito biennale a 7 milioni, con un obbligo di riscatto da 31 milioni condizionato al raggiungimento di determinati obiettivi sportivi.
La società inglese aveva acquistato l’attaccante proprio dai bianconeri nel 2019, dopo due anni di buone prestazioni in serie A, prima a Verona (19 presenze e 4 reti con l’Hellas) e poi a Torino (6 volte in gol in 13 partite). Ma l’azzurro ha faticato ad ambientarsi in Premier League, e dopo una stagione deludente, che lo ha visto segnare solo 2 volte nonostante fosse sceso in campo in 29 match, è andato in prestito al PSG.
In Francia Kean ha ritrovato continuità di prestazioni, chiudendo il 2020/21 con 13 reti in Ligue 1 e 3 in Champions League. Un’ottima annata, non sufficiente per convincere Mancini ad aggregarlo alla nazionale che ha trionfato agli Europei, ma che lo ha rimesso sul taccuino della Juve. 

Cambia qualcosa al Fantacalcio? 

Kean è un attaccante veloce e fisicamente potente, una prima punta in grado all’occorrenza di ricoprire tutti i ruoli in attacco. Una versatilità che lo rende estremamente prezioso per Allegri, visto che il mercato della Vecchia Signora si è chiuso senza altri arrivi nel reparto avanzato.
Il dualismo principale sarà con Alvaro Morata. Lo spagnolo non ha impressionato nelle prime uscite stagionali, e se l’italiano si rivelasse in forma potrebbe scalare rapidamente le gerarchie.
In ottica Fantacalcio è senza dubbio una scelta interessante. Non arriva per essere un titolarissimo, ma tra turnover e cinque cambi vedrà il campo molto spesso. Considerando come è riuscito a ritagliarsi a suon di gol uno spazio nel PSG dei fenomeni, e che gioca in una squadra in corsa per lo scudetto, investendoci il giusto è un nome su cui puntare, magari come terza o quarta scelta per completare l’attacco. 

More in CALCIO